Radicale, non liberale


Zum Originaltext auf deutsch:

Lire la traduction en français:

Traduzione italiana:


Occupazione delle banche, vergogna di volare, zero sprechi, anticapitalismo – le idee di protezione del clima sono numerose. «La cosa principale è fare qualcosa per il clima.» Tutt’altro! Il seguente articolo spiegherà perché gli approcci liberali sono sempre sbagliati e perché il principio del consenso rende impossibili misure di protezione del clima radicali e quindi sostenibili.

Nello scorso anno il movimento Sciopero per il clima ha decisamente dominato il dibattito pubblico.  L’immensa risposta positiva dell’opinione pubblicasi è vista soprattutto durante la manifestazione nazionale del 28 settembre 2019, durante la quale 100’000 persone hanno rivendicato una politica climatica giusta e progressista. Il nostro movimento è stato inoltre determinante per la svolta verde durante le elezioni federali del 20 ottobre 2019.

Ad approfittare dell’onda verde è stato anche il Partito Verde Liberale, che ha più che raddoppiato i suoi seggi nel Consiglio nazionale, passando dai sette ai sedici seggi. Quei partiti che ornano il loro nome con l’aggettivo “verde” si sono potenziati massicciamente. Anche le aspettative dell’opinione pubblica nei confronti della neocostituita Assemblea federale erano quindi elevate: ora si dovrebbero finalmente adottare misure efficaci di protezione del clima.

Tuttavia i Verdi Liberali hanno dimostrato ripetutamente e chiaramente la propria posizione. A novembre nel canton Zurigo, al secondo turno delle elezioni per il consiglio nazionale c’era la scelta tra la candidata verde Marionna Schlatter e il liberale Ruedi Noser. A dicembre si ripropose una situazione simile all’elezione dei consiglieri e delle consigliere federali, quando la candidata verde Regula Rytz è stata proposta al posto di Ignazio Cassis del PLR, in risposta al cambiamento degli equilibri di potere in Parlamento. In entrambi i casi il Partito verde liberale ha deciso di non raccomandare candidate verdi, e in seguito eletto con una grande maggioranza i candidati PLR, mostrando così il vero volto del partito: il profitto sta in primo piano, nessuna traccia di verde, tranne magari sui manifesti elettorali.

Anche nella gestione politica quotidiana il Partito verde liberale si contraddice regolarmente dal punto di vista ecologico. Nella sessione invernale del 2019 la maggioranza del partito ha votato a favore del finanziamento da 6 miliardi di franchi per nuovi aerei da combattimento. Due membri del partito avevano persino dichiarato nella loro promessa elettorale di essere contrari alla spesa, infine hanno però votato a favore del finanziamento. Già solo l’enorme impatto ambientale della produzione e dell’utilizzo di aerei da combattimento avrebbe dovuto causare scalpore negli elettori che avevano riposto fiducia nel “verde” dei Verdi Liberali. Non di minore importanza sono però le implicazioni militari che accompagnano l’acquisto di nuovi aerei da combattimento. È probabile che la crisi climatica, che va di pari passo con la crescente scarsità di risorse, porterà ad un aumento sia dei conflitti regionali sia di quelli internazionali. E in questo intreccio tra protezione del clima e politica di sicurezza, il PVL si affida a spese completamente stravaganti per i jet da combattimento di lusso invece che a investimenti per combattere la crisi climatica. Infatti, se i problemi ecologici e sociali non vengono considerati insieme e il principio „chi inquina paga“ della crisi climatica si applica ai privati, ma non ai governi, alle banche e alle grandi imprese, la protezione del clima è molto semplice – e molto efficace in termini di costi.

Il paradosso verde liberale

L’unione ideologica di interessi ecologici ed economici alla PVL è perversa, in quanto ancora oggi si possono ottenere profitti massicci con attività dannose per il clima. Gli istituti finanziari svizzeri avrebbero già smesso molto tempo fa ad investire in sporchi affari petroliferi se ciò non fosse economicamente redditizio. In un sistema economico capitalista che sottopone ogni centimetro quadrato del nostro pianeta a una valorizzazione economica, che alla fine trasforma le persone in merce e che considera la politica climatica come un mercato di vendita redditizio per i certificati di emissione, nessuna misura di protezione del clima può contrastare in modo sostenibile le problematiche ecologiche e sociali prevalenti.

Questo punto è stato oggetto di un intenso dibattito per mesi. Il capitalismo verde davvero non è possibile? Davvero non possiamo continuare ad aumentare la nostra prosperità mentre „facciamo qualcosa per l’ambiente“? A queste domande si deve rispondere con un „no“ forte e chiaro, almeno da quando il PVL si è rafforzato. Il partito che ha assunto la causa di questa unione di interessi ecologici ed economici non può fare a meno di dare ripetutamente priorità agli sforzi finanziari, altrimenti l’economia ne uscirà danneggiata. Dopo tutto, il blocco nominale dei Verdi Liberali nel Consiglio degli Stati di Zurigo e le elezioni del Consiglio federale sono prova sufficiente che le misure di protezione del clima semplicemente non sono possibili in una logica di profitto capitalistica. A causa delle sue intrinseche contraddizioni, nei prossimi quattro anni il PVL non otterrà nulla che si avvicini nemmeno lontanamente a una politica climatica sostenibile. O si è liberali o si è verdi.

Ma cosa ha a che fare tutto ciò con il nostro movimento? Dopo tutto, c’è un ampio consenso all’interno dello Sciopero per il clima sul fatto che la politica istituzionale non ci sta fornendo alcune soluzioni alla crisi climatica. Alcuni potrebbero obiettare, che il calcolo politico del PVL ci può lasciareindifferenti. In realtà però ci colpisce molto più di quanto possa sembrare a prima vista. La questione se la protezione del clima possa essere raggiunta in modo sostenibile anche con soluzioni liberali ha occupato il nostro movimento fin dal primo giorno.

Proposte di soluzioni liberali non possono far parte del nostro movimento. La convinzione che misure del libero mercato siano sufficienti per superare la crisi climatica promuove la struttura che ha causato questa crisi in primo luogo. Le aziende „sostenibili“ e „sociali“ soddisfano un nuovo bisogno del mercato di prodotti e servizi a risparmio di risorse, mentre i consumatori e le consumatrici sensibili e critici sono intorpiditi da una coscienza pulita. Tuttavia, questo significa che non stiamo uscendo dalle strutture a scopo di lucro, ma che siamo ancora bloccati in esse. Le soluzioni proposte dai liberali – siano esse etichettate come “sostenibili” o meno – non devono avere un posto nel nostro movimento, poiché la creazione di nuovi mercati come presunta soluzione alla crisi climatica nega il fatto che i processi di negoziazione politica siano necessari per porre rimedio ai problemi attuali.

Il principio del consenso mette in pericolo il nostro obiettivo

L’influenza del pensiero liberale indebolisce quindi Sciopero per il clima come movimento politico, se le strutture interne del movimento lo permettono. Nel nostro caso, il prerequisito perché ciò accada è dato dal principio del consenso come metodo decisionale: con il principio del consenso, il nostro movimento funziona in modo tale che anche le minoranze più piccole possono bloccare le decisioni. E poiché ci sono ancora tendenze liberali all’interno di Sciopero per il clima, le misure di protezione del clima progressiste e sociali e quindi sostenibili sono, allo stato attuale delle cose, gravemente minacciate o addirittura rese impossibili.

Il principio del consenso si basa sul principio del minimo comune denominatore. Che il cambiamento climatico esista è naturalmente indiscusso nel nostro movimento. Così come la sua causa antropogenica. E anche che è soprattutto il Nord del mondo responsabile della crisi climatica. Ma da qui in poi diventa più difficile e non tutti sono più d’accordo. In che misura le disuguaglianze sociali hanno un ruolo nella crisi climatica? La questione ecologica è anche una questione sociale? Dove tracciamo i confini del sistema per il principio „chi inquina paga“? Quali sinergie e quali forme di azione utilizziamo per la nostra protesta politica? E da dove cominciamo esattamente se vogliamo combattere la crisi climatica?

È quindi in corso una polemica su questi temi all’interno del nostro movimento. L’inevitabile conseguenza di ciò, in base al principio del consenso, è che possiamo concordare approcci alle soluzioni solo nelle questioni fondamentali – il minimo comune denominatore. Tuttavia, queste questioni possono essere tradizionalmente risolte anche da una visione del mondo liberale. Misure più radicali – e quindi misure che affrontano il problema alla radice – non hanno posto in questo sistema decisionale, in quanto non riescono a trovare un consenso a causa delle minoranze liberali. Per questo motivo, ad esempio, ancora oggi non è possibile che Sciopero per il clima dimostri ufficialmente la sua solidarietà con lo Sciopero delle donne*. Il motivo per cui questo risulta assolutamente necessario è stato mostrato nell’ultimo numero (02/2019), nell’articolo «Die Klimastreikbewegung kann nicht nur alleine kämpfen». Ma la connessione di queste due lotte richiede la consapevolezza che la questione ecologica è anche una questione sociale. Poiché questo porterebbe a mettere in discussione il nostro sistema economico capitalista, la minoranza liberale all’interno del nostro movimento ha resistito con successo per mesi a questa fusione di lotte.

Il principio del consenso è quindi – contrariamente alla sua iniziale intenzione – del tutto antidemocratico. In linea di principio, l’idea di prevenire strutturalmente la discriminazione contro la minoranza da parte della maggioranza è lodevole. Ma se singole persone nel nostro movimento eterogeneo possono bloccare l’intera operazione, come si possono sviluppare misure progressive di protezione del clima?

Radicalizzazione collettiva

Non c’è quindi bisogno della solita argomentazione secondo cui non importa quale direzione si prenda per proteggere il clima: che sia sociale o no, liberale o no – la cosa principale è che „si sta facendo qualcosa per il clima“. Ma secondo il principio del consenso, questa è una linea di argomentazione fondamentalmente sbagliata e persino pericolosa. Dobbiamo finalmente comprenderci come un vero movimento politico e prendere posizioni chiare. La crisi climatica è un problema per la società nel suo complesso, e quindi la soluzione deve essere pensata anche in termini di società nel suo complesso. Se vogliamo dare un contributo reale ed efficace a questa soluzione, abbiamo bisogno di una strategia chiara, politica e radicale come movimento collettivo – tutti insieme. Pertanto, il primo passo in questo senso deve essere l’abolizione del principio del consenso. Perché fino a quando ci paralizzeremo con il feticcio dell’orizzontalità, che vuole tener conto di tutte le opinioni, senza analizzarle in modo critico, non troveremo una risposta radicale alla crisi climatica.

Rahel Ganarin, 26 anni, geografa e attivista di Sciopero per il clima.

Schreiben Sie einen Kommentar

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.